Santorini, il gioiellino prezioso delle Cicladi

Santorini è una delle isole delle Cicladi situata nel Mar Egeo.

Un’eruzione vulcanica la distrusse nel sedicesimo secolo a.C., e il paesaggio venne per sempre modellato.

Le case dalle pareti bianche a forma di cubo e le cupole blu contraddistinguono l’isola e sono arroccate in cima alle scogliere che si affacciano sulla famosa caldera, il cratere sottomarino.

Dalle città principali quali Thira, Oia e Imerovigli il panorama si allarga sul mare, sulle piccole isole che si trovano ad ovest e sulle spiagge fatte di pietra vulcanica nera, rossa e bianca.

OIA: piccolo e grazioso paesino arroccato nella parte settentrionale di Santorini. 

Caratterizzato dalle case bianche sul ciglio della Caldera, così vicine tra loro da non distinguere dove inizi l’una e dove finisce l’altra, dalle scalinate e dalle terrazze adornate con i fiori di bouganville. Uno scenario magico che rimarrà per sempre nella memoria.

 

Unica pecca: è molto famoso il tramonto visto da Oia ma personalmente nel periodo estivo è difficile da godere appieno. Ci sono troppi turisti, tutti in piedi con i bastoni per i selfie che ostruiscono la vista e un chiasso fuori luogo per un momento cosi magico. Molto meglio Imerovigli, dove c’è più tranquillità e il sole cala sulla Caldera, spettacolo!!

IMEROVIGLI: Strutture lussuose a picco sul mare. Negozietti tipici ma soprattutto un tramonto da paura. Consiglio questo localino che si chiama ——-, dove si può gustare un ottimo vino e ammirare il sole che cala sulle case bianche e limpide di quest’isola magica.

THIRA: molto affascinante e simile ad Oia ma un pò più grande e un pò più viva. Anche da qui il tramonto è spettacolare.

Di spiagge ce ne sono parecchie ma sono tutte abbastanza ghiaiose e scure dovute all’origine vulcanica dell’isola. Sono comunque molto affascinanti per il loro essere selvaggio soprattutto White beach, Red Beach e Vlychada Beach, a sud.

Kamari Beach e Perissa beach invece si trovano nella parte orientale dell’isola e sono molto più organizzate ma anche piene di turisti chiassosi. 

Molto graziosa la baia di Ammoudi, a nord dell’isola, sotto Oia. Un piccolo villaggio di pescatori dove si mangia dell’ottimo pesce e dove ci si può tuffare dagli scogli in un profondo mare blu. 

E’ utile girare l’isola con un motorino che ti porta dappertutto in pochissimo tempo. 

Davvero un’isola magica e affascinante, il gioiello dell’Egeo. 

Curiosità: A Santorini convivono in armonia entrambi i dogmi del Mediterraneo: quello cattolico e quello ortodosso. Numerose le graziose chiesette, oasi di pace, di piccole dimensioni e caratterizzate dal candore delle mura e delle scalinate in contrasto con le cupole dalle stupende tonalità di blu che si perdono nel mare e nel cielo.

Curiosità 2: Oltre al tramonto non perdetevi anche l’alba, mozzafiato.

 

DOVE ABBIAMO DORMITO:

La prima notte l’abbiamo passata in questa pensione molto tipica e graziosa. Abbiamo dormito in questa casetta con terrazzino solo per noi e il risveglio con i raggi del sole e il profumo del mare è stato come sempre prezioso. Posizone buona, al centro dell’isola, da dove poter muoversi per visitare qualunque cosa.

Le altre due notti siamo stati in un grazioso appartamento ad Imerovigli, a ridosso della Caldera, con una piscina a sfioro a dir poco fantastica. Super consigliato!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *